ECM

Il sistema ECM è lo strumento per garantire la formazione continua finalizzata a migliorare le competenze e le abilità cliniche, tecniche e manageriali e a supportare i comportamenti dei professionisti sanitari, con l’obiettivo di assicurare efficacia, appropriatezza, sicurezza ed efficienza all’assistenza prestata dal Servizio Sanitario Nazionale in favore dei cittadini.

Destinatari della Formazione Continua devono essere tutti i professionisti sanitari che direttamente operano nell’ambito della tutela della salute individuale e collettiva.

Il programma ECM prevede l’attribuzione di un numero determinato di crediti formativi per ogni area specialistica medica e per tutte le professioni sanitarie.

Ogni ostetrica può registrarsi sul sito di Co.Ge.A.P.S. per verificare la propria posizione rispetto agli obblighi formativi del triennio.

Riduzione di un terzo dell’obbligo formativo 2020/2022 per tutti i professionisti sanitari 

Circolare FNOPO 55.2022

Allegato 1

ECM – Obbligo formativo triennio 2020-2022

La Commissione nazionale per la formazione è stata ricostituita con decreto del ministro della Salute del 17 aprile 2019 per il triennio 2019-2021.

Nella seduta del 18 dicembre 2019 la commissione nazionale per la formazione continua in medicina, ha confermato che per il triennio 2020, 2021 e 2022 i professionisti sanitari dovranno acquisire un totale di 150 crediti ECM, e si ribadisce che:

  • l’acquisizione dei crediti non è più di 50 crediti ECM all’anno, bensì di 150 crediti ECM nel triennio 2020-2022, senza vincoli annuali: ciò significa che è possibile acquisire i crediti in misura variabile nel singolo anno, potenzialmente anche tutti i 150 crediti in un solo anno, anche se può essere più opportuno bilanciare la formazione durante il triennio;
  • l’acquisizione dei crediti ECM non prevede limiti circa le tipologie di corsi ECM, cioè corsi residenziali, corsi di formazione sul campo, corsi di formazione a distanza, con cui acquisirli, anche se può essere più opportuno organizzare la propria formazione bilanciando le differenti tipologie di corsi ECM;
  • rimane possibile, oltre alla partecipazione ai corsi di formazione, acquisire crediti formativi tramite altre attività, definite come “formazione individuale”, anche se più complesse, quali ad esempio:
    – pubblicazioni scientifiche e sperimentazioni cliniche
    – partecipazione a corsi di formazione all’estero
    – autoformazione tramite la lettura di riviste scientifiche, di testi scientifici e di monografie scientifiche.

I professionisti che non hanno adempiuto all’obbligo formativo dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 potranno sanare la loro posizione entro e non oltre il 31 dicembre 2020.

È opportuno verificare il numero di crediti ECM sul portale Cogeaps (il Consorzio Gestione Anagrafica delle professioni sanitarie) e quanti eventualmente ne necessitino per raggiungere il valore di 150 ECM, sia nell’ultimo triennio, 2017-19, che nel penultimo, 2014-16.

Lo spostamento dei crediti ECM da un triennio all’altro dovrà avvenire presso il sito Cogeaps a cura del professionista ed è consentito fino al 31 Dicembre 2020.

ECM – Obbligo formativo triennio 2017-2019
– Completamento dell’obbligo formativo del triennio 2014-2016 –

La Commissione ECM nel corso della riunione del 4 novembre 2016 ha deliberato il nuovo obbligo formativo ECM per il triennio 2017-2019 (All. n. 1) ed ha approvato la nuova delibera per l’implementazione del Dossier Formativo, valida per il triennio formativo 2017-2019, rivolta a tutti i professionisti sanitari, alle Aziende sanitarie pubbliche e private, agli Ordini, ai Collegi e alle rispettive Federazioni nazionali, agli Organismi maggiormente rappresentativi delle professioni sanitarie di cui al Decreto Direttoriale del Direttore delle Professioni Sanitarie del Ministero della Salute del 30 Luglio 2013 e successive modificazioni e integrazioni, che possono accedere alla costruzione del dossier (Ali. n. 2).

La medesima Commissione, nel corso della riunione del 13 dicembre 2016, ha inoltre approvato la nuova delibera per i “Criteri per l’assegnazione dei crediti alle attività ECM” che sostituisce la precedente regolamentazione (All. n. 3) e ha deliberato di consentire ai professionisti sanitari di completare il conseguimento dei crediti formativi relativi al triennio 2014-2016 entro il prossimo 31 dicembre 2017, nella misura massima del cinquanta per cento del proprio obbligo formativo, al netto di esoneri, esenzioni ed eventuali altre riduzioni. I crediti acquisiti nel 2017, quale recupero del debito formativo del triennio 2014-2016, non saranno computati ai fini del soddisfacimento dell’obbliqo formativo relativo al triennio 2017-2019.

Con riferimento alla delibera della CNFC in materia di crediti formativi ECM l’art. 1 recante “Obbligo formativo triennio 2017-2019″ prevede che:

“1.l’obbligo formativo per il triennio 2017-2019 è pari a 150 crediti formativi fatte salve le decisioni della Commissione nazionale per la formazione, determina della CNFC del 10 ottobre 2014).

3.1 professionisti sanitari che nel precedente triennio (2014-2016) hanno acquisito un numero di crediti compreso tra 121 e 150 hanno diritto alla riduzione di 30 crediti dell’obbligo formativo nel triennio 2017 -2019. Coloro che hanno acquisito un numero di crediti compreso tra 80 e 120 hanno diritto alla riduzione di 15 crediti”.

Si rileva inoltre che all’art.   2 (Certificazione per il triennio 2017-2019) si prevede che il professionista sanitario possa richiedere al proprio Ordine provinciale l’attestato di partecipazione al programma ECM, contenente il numero di crediti conseguiti e il certificato di completo soddisfacimento dell’obbligo formativo nel caso in cui abbia acquisito i crediti previsti nel triennio nel rispetto delle norme e dei vincoli definiti dalla Commissione Nazionale per la formazione continua.